Share This Post

Editoria / Marketing

Tech, le mail che partono dall’Italia conquistano anche la Cina

Tech, le mail che partono dall’Italia conquistano anche la Cina
Spread the love

E’ stata un’azienda italiana, Kloudymail, – secondo le cronache dei principali siti d’informazione di settore cinesi – la Cenerentola dell’edizione 2016 di Ces Asia, l’evento tecnologico più importante d’Oriente che si è tenuto dall’11 al 13 maggio a Shanghai, in Cina.

Durante la tre giorni, infatti, diverse agenzie cinesi, coreane e giapponesi di primaria importanza hanno puntato i riflettori sulla startup con sede in Lombardia (iscritta a Confindustria), che punta a fare concorrenza sui mercati internazionali ai colossi dell’email marketing, come Mailchimp.

Nella sola Italia, secondo alcune stime, vengono spedite oltre 900 milioni di mail al giorno. La maggioranza non viene aperta e non arriva nemmeno a destinazione, bloccata dai filtri anti-spam. In questo contesto, un mercato mondiale che vale quasi 2 miliardi di euro, trova sempre più spazio Kloudymail, società guidata dal 39enne bresciano Enrico Del Sordo, che sta raccogliendo i frutti dell’importante investimento tecnologico effettuato negli ultimi tre anni, grazie all’esclusivo sistema per evitare i filtri anti-spam, a un’interfaccia particolarmente funzionale e al fatto che l’offerta – unica al mondo –  include nel canone di abbonamento liste, destinatari, invii e banda illimitata. Da aprile 2016, poi, al servizio si è aggiunta la possibilità di inviare sms, strumento che consente alle aziende di entrare da protagoniste nel mercato del momento (a marzo, secondo i dati della Federazione Concessionarie Pubblicità, il web “tradizionale” ha  perso il 6,2 per cento, mentre il mobile è cresciuto del 135,4 per cento).

Oggi Kloudymail – con un fatturato in crescita del 25 per cento ogni trimestre e altre 4 assunzioni in arrivo – può contare circa 4mila aziende clienti nel mondo (dalla Svizzera al Regno Unito, dagli Emirati Arabi agli Usa). E  una crescente attenzione del settore, che poche settimane fa – ad aprile – ha anche portato Del Sordo ad essere invitato come relatore al prestigioso evento formativo  “Data Science Machine Learning” di Dubai.

“Dopo la sbornia da social network e dopo aver archiviato gli annunci di morte imminente delle mail”, spiega Del Sordo, “le attenzioni degli esperti di pubblicità stanno tornando al mondo delle newsletter e dell’email marketing in generale. I vantaggi sono molteplici, non ultimo quello di poter disporre di uno strumento proprietario che valorizza gratuitamente la rete di utenti/clienti che ciascuna azienda si è costruita nel tempo e può vantare tassi di interazione ben più alti di quelli della pubblicità tramite social. Noi in questo contesto ci siamo e i numeri iniziano a darci ragione: perché il Made in Italy”, conclude l’ad di Kloudymail, “può essere un valore anche nel settore tecnologico”.

PER ACCEDERE AI SERVIZI GRATUITI DELLA COMUNITA’ (BIBLIOTECA DI EBOOK SUL GIORNALISMO, CONVENZIONI, FORUM E ALTRO) REGISTRATEVI CLICCANDO QUI!

Schermata 2016-05-14 alle 12.03.40

Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Lost Password

Register