Fsni

La Corte di Strasburgo: il segreto istruttorio è più importante della libertà di stampa

I giornalisti non hanno il diritto di violare il segreto istruttorio in nome della libertà di stampa. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’uomo giudicando giusta la condanna inflitta dai tribunali svizzeri (una multa di circa 3.850 euro) ad un giornalista che ha pubblicato un articolo contenente atti coperti dal segreto istruttorio. La sentenza, decisa all’unanimità, segue di qualche giorno quella sul caso Le Point,che aveva pubblicato atti giudiziari sul caso Bettencourt, ereditiera dell’impero “L’Oreal”, prima della loro lettura in aula. Anche in questo caso i giudici hanno affermato che sanzionare i giornalisti per la pubblicazione di atti giudiziari coperti da segreto non viola il diritto alla libertà di stampa. I togati di Strasburgo considerano che «le ...

Mario Orfeo nuovo Dg Rai, Fnsi e Usigrai: ora discontinuità

Mario Orfeo, fino ad oggi direttore del Tg1, è il nuovo Direttore generale della Rai. Lo ha deciso il Cda di viale Mazzini dopo aver ottenuto il via libera dell’assemblea degli azionisti alla precedente indicazione arrivata sempre dal Consiglio di amministrazione. A favore di Orfeo hanno votato 7 componenti del Cda, compresa la presidente Maggioni. Contrario il solo Carlo Freccero, che nella riunione del mattino convocata per indicare il nuovo Dg aveva proposto se stesso per l’incarico, in aperto dissenso con la scelta degli altri consiglieri. «In bocca al lupo e buon lavoro al nuovo Direttore generale della Rai, Mario Orfeo. Positivo – è il commento di Fnsi e Usigrai – che, anche grazie alla nostra mobilitazione sindacale di questi giorni, la scelta sia arrivata in tempi rapidi, che...

Da giovedì on line i risultati dell’indagine GiornalistiSocial/Encanto/Ixè

Da giovedì 8 giugno sarà disponibile on line su GiornalistiSocial.it l’indagine promossa dalla nostra comunità in collaborazione con Encanto e l’Istituto Ixè. La ricerca si basa su un campione di diverse centinaia di giornalisti (dopo un primo esame qualitativo su un campione ridotto) e punta a fotografare il rapporto tra gli operatori dei media e i social. I risultati della prima edizione di Audit Italian Press saranno presentati alle 12 al punto Enel di via Broletto 44/a a Milano. Saranno presenti Andrea Tortelli (giornalista, editore e community manager di GiornalistiSocial.it), Roberto Gazzini (titolare di Encanto Public Relations) e Margherita Sartorio Mengotti (amministratore delegato di Ixè), oltre a diversi colleghi di importanti uffici stampa e primarie testate naziona...

Corte europea, sentenza storica: un errore non basta per diffamazione

Nuova pronuncia della Corte europea dei diritti dell’uomo a tutela della libertà di stampa, garantita dall’articolo 10 della Convenzione europea. Con la sentenza depositata il 4 maggio, nel caso Traustason e altri contro Islanda (ricorso n. 44081/13, TRAUSTASON AND OTHERS v. ICELAND), la Corte di Strasburgo ha stabilito che un singolo errore in un articolo di stampa non giustifica l’adozione di una sentenza che, pur non avendo natura penale e pur non imponendo un indennizzo elevato, presenta sempre il rischio di porre un freno alla libertà di stampa. E’ una sentenza storica quella della Corte europea: potete leggere l’analisi della professoressa Maria Castellaneta sul sito della Fnsi. PER ACCEDERE AI SERVIZI GRATUITI DELLA COMUNITA’ (BIBLIOTECA DI EBOOK SUL GIORNALISMO, CONVENZ...

Facebook e giornalisti? L’8 giugno i risultati della nostra indagine

Facebook? E’ la prima fonte di informazione dei giornalisti italiani. Giovedì 8 giugno, a Milano, verrà presentata la nuova indagine dell’Istituto di ricerca Ixè, in collaborazione con Encanto Public Relations e la comunità di GiornalistiSocial.it. A questo link trovate il lancio della prima edizione di “Audit Italian Press”, l’indagine sul rapporto tra giornalismo e social media. L’anteprima della ricerca è stata diffusa il 13 ottobre e sono diversi i media che ne hanno parlato (tra questi anche Prima Comunicazione). Nella prima fase l’indagine aveva riguardato 50 casi in Italia, le cui risposte sono state confrontate dai ricercatori Ixè con quelle di un campione di reporter operanti tra Stati Uniti e Canada (selezionato e sondato da Cision). Nella nuova fase l’indagine ...

Riforma editoria: pubblicati i decreti su stati di crisi, prepensionamenti e contributi alle imprese

Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale altri due decreti attuativi della legge di riforma dell’editoria approvata lo scorso ottobre. I provvedimenti riguardano l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e i nuovi criteri per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, il primo, e la ridefinizione della disciplina dei contributi diretti alle imprese editrici di quotidiani e periodici, il secondo. Per quanto riguarda i nuovi criteri di accesso ai trattamenti  di pensione anticipata, il decreto stabilisce il requisito di anzianità contributiva pari a 25 anni, al posto degli attuali 18, ed estende anche ai giornalisti l’applicazione del meccanismo di adeguamento d...

Rai, Campo Dall’Orto si dimette. Fnsi e Usigrai: lascino anche il cda

«Antonio Campo Dall’Orto non è l’unico responsabile del fallimento di questi due anni di mandato. Pertanto dopo le sue dimissioni, dovrebbero arrivare quelle della presidente e del consiglio di amministrazione». Fnsi e Usigrai commentano così la notizia delle dimissioni del direttore generale della Rai, che ha rimesso oggi il mandato nelle mani del ministro Padoan. «Auspichiamo ora che l’azionista agisca con rapidità – incalzano Fnsi e Usigrai – per restituire con urgenza alla Rai Servizio Pubblico una guida autorevole, sicura e stabile in grado di assicurare presto la necessaria riforma editoriale». Quanto accaduto in queste settimane, conclude il sindacato dei giornalisti «dimostra ancora una volta che governo e Parlamento sono chiamati a intervenire per modificare le n...

Tetto agli stipendi Rai, Vespa: io artista quanto Fabio Fazio

Mi sento un artista come Fabio Fazio. A dirlo (in buona sostanza) è Bruno Vespa, uno dei volti più noti di mamma Rai, che interviene così sulla questione del tetto di 240mila euro agli stipendi dei giornalisti che lavorano per la tv pubblica. Un provvedimento che potrebbe riguardarlo molto da vicino. In una lettera al Cda Vespa sottolinea di percepire – dopo 35 anni in rai – soltanto 2mila euro al mese e – evidenziando come il tetto non vale per gli artisti – sottopone ai vertici un paragone con il collega Fazio (che si è tolto dall’ordine) affermando: “Tra un Fabio Fazio che si occupa di Falcone e un Bruno Vespa che fa un programma su Ballando con le stelle chi è l’artista e chi il giornalista?“. PER ACCEDERE AI SERVIZI GRATUITI DELLA COMUNI...

Querele temerarie, giornalisti in piazza oggi a Roma

Giornalisti in piazza Montecitorio, a Roma, questa mattina per partecipare al presidio organizzato dalla Fnsi per chiedere al Governo e al Parlamento provvedimenti concreti per contrastare il fenomeno delle querele temerarie, delle minacce ai cronisti e sui temi del lavoro e del precariato. Il sit in, oltre al sostegno di numerose associazioni di giornalisti, ha visto la partecipazione del Cnog, dell’Inpgi, della Casagit, dell’Unione Nazionale Cronisti Italiani e di Articolo 21. FONTE ODG PER ACCEDERE AI SERVIZI GRATUITI DELLA COMUNITA’ (BIBLIOTECA DI EBOOK SUL GIORNALISMO, CONVENZIONI, FORUM E ALTRO) REGISTRATEVI CLICCANDO QUI!

Elezioni degli Ordini regionali: si vota domenica 24 settembre

L’ex premier Berlusconi, di recente, ha annunciato le elezioni politiche per il 24 settembre. Si era sbagliato. Perché il 24 settembre ci saranno “solo” le elezioni dell’Ordine dei giornalisti. Si svolgeranno tra la fine di settembre e gli inizi di ottobre, infatti, le assemblee per il rinnovo del Consiglio nazionale in base alle nuove disposizioni del Decreto Legislativo n. 67/2017. Queste le date inviate ai Consigli regionali dell’Ordine: – domenica 24 settembre 2017, prima convocazione; qualora sia stato raggiunto il quorum di validità dell’assemblea ma i candidati non abbiano ottenuto la maggioranza dei voti, domenica 1° ottobre avrà luogo votazione di ballottaggio; – domenica 1° ottobre 2017,  seconda convocazione (nel caso che nella prima convocazi...

Rai, Cda stoppa piano del dg. Fnsi e Usigrai: vertici a casa

«È l’atto finale di un dg e di un Cda inadatti al ruolo. Un vertice irresponsabile che antepone i propri conflitti di potere al bene della Rai servizio pubblico. Ventidue mesi senza un piano news è responsabilità di tutti. Nessuno escluso. Quindi tutti devono andare a casa». È la dura presa di posizione di Fnsi e Usigrai dopo la bocciatura, da parte del Consiglio di amministrazione dell’azienda concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo, del piano per l’informazione della Rai proposto dal dg Antonio Campo Dall’Orto. «A questo punto – prosegue il sindacato dei giornalisti – è necessario un incontro urgente con l’azionista per rappresentare la situazione drammatica di una azienda senza guida. C’è l’urgenza, di cui l’azionista deve farsi carico, di assi...

Libertà di stampa, pronti alla mobilitazione europea

Contro ogni forma di bavaglio e intimidazione serve la mobilitazione di tutti i giornalisti europei. Allo stesso tempo, occorre fare fronte comune per affrontare le sfide della rivoluzione digitale e per evitare che gli spazi di libertà si riducano anche a causa delle grandi trasformazioni in atto negli assetti proprietari di giornali e televisioni. L’assemblea della Federazione europea dei giornalisti (Efj), che ha concluso la sua tre-giorni a Bucarest, rilancia i temi della libertà di espressione e del diritto dei cittadini a essere correttamente informati, sempre più a rischio di indebolimento in tutto il mondo. La Fnsi ha partecipato all’assise con una delegazione composta dal segretario generale Raffaele Lorusso e dai segretari aggiunti Anna Del Freo e Carlo Parisi. L̵...

Lost Password

Register